Ohrid, Macedonia

Il 20 maggio, il sesto giorno del nostro viaggio, abbiamo lasciato Salonicco per Ohrid nella Macedonia. Aspettavamo con l'ansia la nostra prossima meta; quasi nessuno di noi a visitato quel paese che spesso menzioniamo mentre mangiamo la frutta tagliata a piccoli pezzi e servita in una ciottola. Che si come mai si sono associati queste due cose, apparentemente senza alcun legame. Dopo un paio di ore di viaggio siamo arrivati sulla frontiera Macedone e qui sono iniziati problemi con i documenti di viaggio. Avevamo un passaporto collettivo, ma i macedoni non conoscevano questo tipo di documento... Per farla breve, dopo le telefonate al consolato italiano in Macedonia, alla prefettura di Milano, che ha emesso il passaporto collettivo, e dopo 4 ore di attesa, siamo riusciti ad entrare in Macedonia.

Meno male che il ristorante che ci hanno consigliato e che si trovava a pochi chilometri dalla frontiera, in una città che si chiama Bitola, era molto buono e aveva prezzi molto "piacevoli": il primo, il secondo e la bevanda per 8 euro. Continuato il viaggio, verso le 18:00 siamo arrivati a Ohrid, il nome del lago ma anche della città sulla sponda dello stesso lago. Siamo andati dritti nell'albergo Bellevue, 4 stelle meritate, con un bellissimo panorama sul lago. Uno dei partecipanti ha avuto anche il coraggio di fare il bagno nelle acque dorate dal tramonto.

Vista dalla camera del nostro hotel Angela e Pino sono vicini Una panoramica del lago Tramonto del sole nel lago dorato Una bevanda analcolica sul balcone della nostra stanza, sotto i raggi del sole Un coraggioso nuotatore – faceva abbastanza freddo Il lago di Ohrid visto dall'albergo Bellevue

Dopo la cena in albergo, che è piaciuta un po' meno dell'albergo stesso, si è fatta una visita notturna alla città con una guida locale. Per i problemi legati al riposo obbligatorio per il nostro autista, la visita è durata un'ora circa per la maggior parte dei partecipanti, che sono rientrati nell'albergo con il pullman. Una decina di persone ha proseguito con la visita per un'altra oretta ed è rientrata in albergo con taxi. Siamo riusciti comunque a vedere la chiesa di Santa Sofia, dall'esterno soltanto, vista la tarda ora, che è la cattedrale e la sede dell'arcivescovo ortodosso di Ohrid. La chiesa è stata costruita nel XI secolo, sul sito di una basilica romana.

Il gruppo aspetta la guida Una casa antica di Ohrid La città di Ohrid di notte Un antico monastero ristrutturato

Sud Balcani
Pagina iniziale

Meteore

Salonicco

Monte Athos

Rila

Ohrid

Albania

Ritorno


Extra
Al Bordo

Saga Serba

Foto di Pino

Gironzolando
nella rete